Viola tricolor

NOMI

NOME COMUNE: Viola

NOME SCIENTIFICO: Viola tricolor L.

FAMIGLIA: Violaceae

NOMI POPOLARI: Viola tricolore, viola del pensiero, pansè, suocera e nuora, viola di San Giuseppe, erba Trinità, viola dei tre colori, viola farfalla, viola zala, merz-viola.

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Wild Pansy
  • (Fra) Pensee tricolore
  • (Ger) Feld-Stiefmütterchen
  • (Esp) Pensamiento

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: pianta erbacea annuale, talvolta biennale, alta fino a 30-40 cm
  • Foglie: ovali o a forma di cuore con margine dentato
  • Fiori: inodori, di colore bianco, giallo o violetto e dotati di un lungo peduncolo

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI: Il cristianesimo ha visto in questa pianta una sintesi del mistero della Trinità: i petali rappresentano le “tre unità divise”, separate ma indissolubili. Nel linguaggio dei sentimenti la viola simboleggia il pensiero per l’amata, l’amore e la fedeltà.

NOTE: Se assunta per via interna conferisce un odore sgradevole alle urine.

DOVE SI TROVA

HABITAT: Si trova in Europa, Asia settentrionale e America del nord. Cresce spontaneamente nei prati ed al margine dei campi.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: Si raccolgono le sommità fiorite da aprile fino ad Agosto, tagliando la pianta a pochi centimetri da terra ed eliminando le foglie secche e le parti lignificate.

UTILIZZO

PARTE UTILIZZATA: Sommità fiorite

COME SI USA IN COSMETICA: sottoforma di impacchi con l’infuso o con la tintura madre adeguatamente diluita con acqua, oppure utilizzando i suoi estratti in creme, lozioni o prodotti per la detergenza per migliorare la fisiologia della pelle, in caso di pelle grassa, acne, eczemi, dermatiti, orticaria, psoriasi e crosta lattea nei bambini.

COME SI USA IN CUCINA: i fiori vengono utilizzati per abbellire i piatti.

PROPRIETA' E BENEFICI

PRINCIPALI COMPONENTI

  • Derivati salicilici
  • Acidi fenolici
  • Mucillagini
  • Flavonoidi
  • Tannini
  • Antocianosidi
  • Carotenoidi
  • Saponine
  • Triterpeni

PROPRIETA’ SALUTISTICHE PRINCIPALI

  • Depurativa della pelle
  • Antibatterica ed antifungina
  • Antinfluenzale, favorisce la fluidificazione del catarro e la sua eliminazione
  • Diuretica, antisettica delle vie urinarie

FORME IN CUI SI UTILIZZA

Tintura madre: uso interno: 60 gocce 2 volte al giorno sciolte in un bicchiere d’acqua dopo i pasti. Uso esterno: diluita con acqua al 20% per impacchi sulla pelle. Infuso: 1 cucchiaio di erba secca in una tazza di acqua bollente per 10 minuti circa. Filtrare e bere 2/3 tazze al giorno oppure utilizzare per impacchi sulla pelle imbevendo una garza o del cotone. Estratto secco: capsule 300 mg, 2/3 volte al giorno

RIMEDIO NATURALE PER:

  • Affezioni cutanee: acne, eczemi, pelle grassa, dermatiti, psoriasi, orticaria, crosta lattea dei bambini
  • Affezioni delle vie respiratorie: stati influenzali, tosse, mal di gola
  • Infiammazioni delle vie urinarie

CONTROINDICAZIONI: Non note, a meno che non ci sia una particolare sensibilità individuale alla pianta.

PRODOTTI

PER USO INTERNO: