Elicriso

NOMI

NOME COMUNE: Elicriso

NOME SCIENTIFICO: Helichrysum italicum (Roh) G. Don

FAMIGLIA: Asteraceae

NOMI POPOLARI: Sempiterno, Semprevivu, Fiori di roch, Elicriso liquirizia, Zipro, Brotamo, Canapicchia, Costo bianco, Roseji di fiume, Scova di S. Maria, Uscradinu, Buredda, Perpetuini.

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Curry plant; Everlasting
  • (Fra) Helichrysum
  • (Ger) Italienische Strohblume
  • (Esp) Perpetua

pianta Elicriso italico Helichrysum Italicum, foto e immagini

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: pianta perenne, ramificata fin dalla base (suffruticosa), che forma cespugli che raggiungono solitamente un’altezza di 30-40 cm. Caratterizzata da un colore grigio-biancastro dato dalla presenza di una fitta presenza di peli che ricopre tutta la superficie.
  • Foglie: alterne, sessili e lineari. Lunghe 3-4 cm e larghe 1 mm, con il margine che si ripiega verso il basso (convoluta). Entrambe le superfici della foglia sono cosparse da un folto tomento (presenza di peli).
  • Fiori: si trovano all’apice del fusto, riuniti in corimbo in gruppi da 10-15 capolini. Questi ultimi sono formati da un involucro ricco di brattee sub-triangolari, con apice acuto e con superficie glabra. All’interno dei capolini si trovano i fiori di colore giallo chiaro, con una corolla tubolare che termina con 5 lobi di forma triangolare.
  • Frutti: achenio ovale-allungato con la superficie caratterizzata da numerosi tubercoli. Nella parte superiore presenta il pappo ricco di peli per facilitare la diffusione dei semi.

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI: il nome Elicriso deriva dall’unione di 2 termini greci “elios” e “crusòs”, detto “Sole d’oro” per allusione al colore e alla forma dei suoi capolini.

NOTE: L’uso farmaceutico dell’Elicriso risale alla medicina greco-romana.

DOVE SI TROVA

HABITAT: largamente diffuso sugli Appennini piemontesi, emiliani e verso sud nelle zone mediterranee e in quelle submontane. Raro nelle Alpi. Predilige l’habitat arido e roccioso, vicino al mare. Diffuso in Sardegna, chiamato anche l’oro di Sardegna, in quanto sull’isola si trovano diverse varietà di elicriso sardo.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: le sommità fiorite dell’Elicriso si raccolgono in estate, tra giugno e agosto, tagliando i primi 10 cm evitando la parte inferiore più legnosa.

Benessere naturale, mission erboristeria Erbecedario

UTILIZZO

Ecco come usare l’Elicriso italiano

PARTE UTILIZZATA: sommità fiorite

COME SI USA IN COSMETICA: gli estratti di Elicriso vengono utilizzati all’interno dei prodotti cosmetici per la pelle particolarmente desquamata. Favorisce infatti il naturale equilibrio della cute arrossata e secca.

COME SI USA IN CUCINA: i fiori e le foglie di elicriso sono caratterizzati da un aroma che ricorda la liquirizia e la camomilla, per questo l’elicriso è utilizzabile in cucina per aromatizzare diverse preparazioni, salate e dolci. Ma, in modo particolare, vengono utilizzati per creare un liquore, facendo una macerazione alcolica dei capolini.

Vendita online prodotti e rimedi naturali contro stanchezza erboristeria Erbecedario
Borraccia termica con infusore acciaio inox e bambù

PROPRIETA' E BENEFICI

PRINCIPALI COMPONENTI

  • Flavonoidi
  • Olio essenziale
  • Ftalidi
  • Umbelliferone, scopoletina, esculetina in piccole quantità
  • Piranoderivati
  • Campesterolo, acido beta-sitosterol glucuronico
  • Elipirone e derivati dell’Alfa-pirone
  • Lattoni sesquiterpenici
  • Acido caffeico

PROPRIETA’ SALUTISTICHE PRINCIPALI

Le principali proprietà terapeutiche dell’Elicriso sono:

  • Lenitiva

FORME IN CUI SI UTILIZZA

Ecco alcuni utilizzi, le indicazioni di quando usarlo, dosaggio e come assumerlo.

Infuso: 1 cucchiaino da caffè in una tazza (250 ml) di acqua bollente, lasciare in infusione per 5-10 minuti. Filtrare e bere 2-3 tazze al giorno.

Decotto (per l’uso sulla pelle): una manciata di capolini in 1 litro di acqua a bollore, lasciare poi bollire per 5 minuti. Lasciare in infusione finché non si raffredda. Filtrare e fare dei lavaggi sulla pelle.

Tintura Madre (Soluzione Idroalcolica): 50 gocce diluite in un bicchiere d’acqua, assumere 1-2 volte al giorno.

Oleolito di elicriso: ottenuto per macerazione dei fiori in un olio vegetale. Da applicare con un breve massaggio sulla pelle.

Olio essenziale di elicriso: da utilizzare sempre veicolato con un olio vegetale e successivamente applicato sulla cute. Ottimo per le sue proprietà emollienti e lenitive sulla pelle. In aromaterapia viene considerato un ottimo rilassante.

Consulenza gratuita con le Erboriste di Erbecedario
Catalogo prodotti naturali Erbecedario

RIMEDIO NATURALE PER:

A cosa serve? Utile come rimedio naturale da erboristeria in caso di:

  • Dermatiti
  • Eczemi
  • Pelle irritata
  • Scottature

CONTROINDICAZIONI: La letteratura non evidenzia effetti collaterali tossici alle dosi indicate, fatta eccezione di particolare allergia o sensibilità individuale.

Prodotti Erbecedario che contengono ELICRISO

PER USO ESTERNO:

I contenuti presenti in questa pagina sono scritti dal nostro team di erboristi, specializzati in erbe officinali e fitoterapia.
Riteniamo fondamentale offrire ai nostri clienti e lettori contenuti affidabili e basati su fonti ufficiali.

Questi testi sono infatti il frutto della grande conoscenza accumulata dai nostri esperti attraverso anni di studio e pratica nel settore dei rimedi erboristici.

Vorremo precisare che le informazioni fornite sono da intendersi a scopo puramente informativo e non intendono sostituire in alcun modo una consulenza medica professionale.

Per maggiori informazioni sui nostri prodotti, o per un aiuto nella scelta dei più adatti in base alle proprie esigenze specifiche, potete contattare senza impegno i nostri erboristi in chat.

Blog Erbecedario

 

Laboratorio erboristico Erbecedario

Questi prodotti potrebbero interessarti:

 

Erbecedario Erboristeria online erbe officinali e proprietà
Erbecedario Erboristeria online Erbe officinali per le diverse problematiche