Cumino

Foto e Immagini

cumino

Nomi

Nome Scientifico: Carum carvi L. (fam. Ombrellifere)

Nomi Comuni: Kume, Cumino dei prati, Kümmel, Carvi, Cumino tedesco, anice del Vosgi, Garvese

Nomi Stranieri: Caraway (Eng) Carum carvi (Fra) Kümmel (Ger) Alcaravea (Esp)

Che cos’è e significato

Descrizione: Pianta biennale o pluriennale di 30 - 60 cm. Dal fusto eretto, ramificato alla base, glabo scanalato longitudinalmente, foglie pennatosette con segmenti ancora divisi in lacine strette, quelle inferiori picciolate, quelle superiori sessili; fiori bianchi (maggio-luglio) a ombrelle, frutto composto da due acheni incurvati e solcati da nervature. Odore molto aromatico.

Storia e Tradizioni: Questa piantavera nota ai Greci, con il nome di Karon, e dagli arabi col nome di Karwaia. Nell´antichità era molto apprezzata per le sue proprietà carminative. La pianta è un buon foraggio gradito dal bestiame; essicata facilita la digestione e aumenta la secrezione lattea delle vacche e delle femmine degli ovini.

Note: l´essenza di cumino dei prati in forti dosi è tossica per l´uomo.

Dove si trova

Habitat: Abbastanza diffuso nell´ Italia settentrionale, nelle praterie e lungo i viottoli di montagna fino a 2100 m.

Tempo e modalità di raccolta o coltivazione: La pianta viene tagliata da agosto a settembre: le parti fruttifere vengono battute e setacciate; i frutti si essiccano all´ombra in ambienti ben areati e si conservano in sacchetti di carta.

Utilizzo

Parti utilizzate: I frutti

Come si usa in cosmetica: non viene utilizzato

Come si usa in cucina: Utilizzato per la preparazione di bevande alcoliche (vedi Kùmmel) e pane nei apaesi nordici.

Proprietà e benefici

Principali componenti: Olio essenziale contenente carvone e limolene, acidi grassi, protidi, flavonoidi

Proprietà salutari ed utilizzo: Digestivp, Carminativo; galattologo, antisettico e antispasmodico gastrointestinale

Rimedio naturale: Meteorismo, flatulenza, aerofagia; atonia gastrica e intestinale; dispepsie putrefattive e fermentative; spasmi gastrointestinali; insufficienza lattea delle nutrici.

Controindicazioni: non sono state evidenziate