Betonica

Foto e Immagini

betonica

Nomi

Nome Scientifico: Stachys officinalis L. (fam. Labiate)

Nomi Comuni: vettonica, bertonica, erba betonica, brattòlica, bittonica, betona

Nomi Stranieri:

Che cos’è e significato

Descrizione: La pianta presenta un fusto quadrato, eretto. Le foglie sono peduncolate, in maggiore misura le basali. Hanno forma ovato-lanceolata con nervature alquanto marcate e margine crenato. I fiori sono di colore rosa porporino riuniti in spighe. La fioritura avviene in estate. La pianta può superare il mezzo metro di altezza.

Storia e Tradizioni: Conosciuta e stimata fin dai tempi antichi, era ritenuta un’importante pianta medicinale dalle proprietà addirittura magiche. Le foglie essiccate erano utilizzate un tempo per aromatizzare bevande e per preparare un tè. Era talmente conosciuta che il suo nome veniva affibbiato a quelle persone che sapevano tutto di tutti e in particolar modo alle comari. La pianta è sempre stata particolarmente apprezzata come rimedio per il mal di testa. Il suo nome potrebbe derivare dalla parola celtica betony che significa “buona testa”.

Note: Nessuna nota

Dove si trova

Habitat:Pianta comune dei terreni silicei, predilige i prati ombrosi e il sottobosco. Cresce dalla pianura alla bassa montagna. Frequente nell’Italia centro-settentrionale.

Tempo e modalità di raccolta o coltivazione: Si utilizzano le radici e le foglie. Quest’ultime si raccolgono in estate e si fanno essiccare in luogo ombroso e ventilato.

Utilizzo

Parti utilizzate: Foglie e radici

Come si usa in cosmetica: Nessun utilizzo particolare

Come si usa in cucina: La pianta giovane o soltanto le foglie quando sono ancora tenere trovano qualche impiego per preparare frittate e umidi di verdure.

Proprietà e benefici

Principali componenti: olio essenziale, tannino, alcaloidi, flavonoidi, iridoidi, colina

Proprietà salutari ed utilizzo: Piata molto utilizzata in passato ma ora molto meno in quanto non priva di qualche controindicazione. Fra le qualità che le si riconoscono ricordiamo quelle che servono a curare ulcere, piaghe, ascessi. Inoltre è un eccellente sudorifero e come tale è utile in tutte quelle affezioni che richiedono l’eliminazione di acidi urici come ad esempio la gotta.

Rimedio naturale: La Betonica è un blando sedativo, che riduce lo stress nervoso e la tensione: la si prende per trattare “nervi logorati”, disturbi premestruali, scarsa memoria e tensione. L’impiego della Betonica per via interna è, comunque, allo stato attuale, abbastanza limitato. Al contrario, è ancora diffusamente utilizzata per via esterna contro mal di testa e nevralgie facciali, nonché come vulnerario, in quanto favorisce la guarigione di ferite, piaghe ed ulcere. La polvere delle foglie essiccate esercita un’azione starnutoria (provoca lo starnuto) e viene perciò usata per decongestionare le narici in caso di raffreddore o di sinusite.

Controindicazioni:Da usarsi internamente solo dietro prescrizione medica inquanto la radice può causare nausea e vomito.