Santoreggia

NOMI

NOME COMUNE: Santoreggia

NOME SCIENTIFICO: Satureja montana L.

FAMIGLIA: Laminaceae

NOMI POPOLARI: Cerea, Santorin, Isopu, Serea, Savoreggia, Saturella, Saleia, Ciatura, Sagarzola, Sedulia, Pevarela, Dragon, Savurezzen, Coniella, Timo dritto, Erba acciuga, Savitarella, Erba pepe, Peperna, Timu ad arvuliddu, Santaredda.

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Winter savory
  • (Fra) Sarriette des montagnes
  • (Ger) Winter-Bohnenkraut
  • (Esp) Ajedrea

pianta Santoreggia o Satureja Montana, foto e immagini

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: pianta erbacea annuale dal forte profumo aromatico. Il suo fusto può raggiungere un’altezza di 20-30 cm, cespuglioso in quanto composto da numerosi rami.
  • Foglie: opposte a due a due, lanceolato-lineari con un piccolo picciolo e margine intero. In particolare nella pagina inferiore sono caratterizzate da una fitta tomentosità.
  • Fiori: riuniti in gruppi da 2-6 a livello dell’ascella fogliare delle foglie superiori. Il calice è di forma campanulata e termina con 5 denti. La corolla è di colore bianco o bianco-rosa, sporge appena dal calice e si divide in 2 labbra: il labbro superiore è intero e poco inciso, mentre quello inferiore è trilobato.
  • Frutto: è composto da 4 acheni ovali-arrotondati con la superficie caratterizzata da piccole granulosità.

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI: Il nome “Satureja” ha un’etimologia incerta, forse da “séro” che significa “seminare” o da “satum” che significa “seminato”, oppure dal greco “sàturos” ovvero “satiro” o ancora dall’arabo “s’àtar” e infine da “saturejum” ovvero “salsa, mescolanza di ingredienti”. Mentre l’epitelio “montana” deriva da “mons montis” ovvero “dei montim montano” in riferimento all’orizzonte di crescita che è sui 1000-1400 metri s.l.m. Per questo viene anche chiamata “Santoreggia montana”.

NOTE: Curiosità: nell’antichità le veniva indicata come erba afrodisiaca in quanto si riteneva potesse togliere ogni freno inibitorio, sia agli uomini che alle donne. Era nota infatti come “erba del satiro”, figura mitologica metà uomo e metà capra a cui era attribuito un insaziabile appetito sessuale. Per questo motivo la semina e la coltivazione della santoreggia era vietata nei monasteri.

DOVE SI TROVA

HABITAT: cresce spontanea nel Centro-Nord Italia fino alla zona submontana. Si può trovare nei campi e in luoghi aridi.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: la Santoreggia si raccoglie in estate nel pieno della fioritura, tagliandola a pochi centimetri da terra.

Erbecedario Linea Verde Discovery Rai Uno 1 giugno 2024
Benessere naturale, mission erboristeria Erbecedario

UTILIZZO

PARTE UTILIZZATA: Sommità fiori e foglie

COME SI USA IN COSMETICA: pediluvi o bagni con le sommità di Santoreggia svolgono un’azione tonificante, stimolante e deodorante. L’infuso utilizzato sul cuoio capelluto, con un buon massaggio, migliora le condizioni del bulbo pilifero.

COME SI USA IN CUCINA: la Santoreggia viene utilizzata come erba aromatica in varie ricette in cucina per aromatizzare diversi piatti, infatti è molto gustosa, un po’ pepata e dal retrogusto leggermente affumicato. L'associazione Santoreggia e fagioli sono una combo vincente in cucina. Inoltre si consiglia di piantare la Santoreggia vicino alle piante di fagioli in quanto essa è in grado di allontanare in modo naturale le afidi che potrebbero danneggiare il raccolto.

Vendita online prodotti e rimedi naturali circolazione gambe stanche e pesanti erboristeria Erbecedario
Borraccia termica con infusore acciaio inox e bambù

PROPRIETA' E BENEFICI

PRINCIPALI COMPONENTI

  • Olio essenziale: carvacrolo, p-cimene, timolo, terpinene (la composizione può variare in base al periodo di raccolta)
  • Derivati dell’acido idrossicinnamico (acido rosmarinico)
  • Flavonoidi
  • Tannini
  • Triterpeni e steroli

PROPRIETA’ SALUTISTICHE PRINCIPALI

Le principali proprietà terapeutiche e benefiche della Santoreggia sono:

  • Antisettica (Purifica le vie urinarie e le vie respiratorie)
  • Digestiva

FORME IN CUI SI UTILIZZA

Ecco alcuni usi, come assumerla e la posologia.

Infuso: 2-3 g di Santoreggia in 250 ml di acqua bollente. Filtrare e bere.

Polvere: 100-200 mg per capsula.

Soluzione Idroalcolica (Tintura Madre): 30 gocce diluite in mezzo bicchiere d’acqua, 1-3 volte al giorno (dopo i pasti).

Consulenza gratuita con le Erboriste di Erbecedario
Catalogo prodotti naturali Erbecedario

RIMEDIO NATURALE PER:

A cosa serve e a cosa fa bene? Utile come rimedio naturale in caso di:

  • Viene indicata come coadiuvante nelle infezioni genito-urinarie (cistite, candida e prostatite)
  • Digestione lenta

CONTROINDICAZIONI: La letteratura non riporta effetti tossici alle dosi indicate, fatta eccezione di particolare sensibilità individuale alla pianta. L’olio essenziale non va utilizzato puro.

Prodotti Erbecedario che contengono la SANTOREGGIA

PER USO INTERNO:

I contenuti presenti in questa pagina sono scritti dal nostro team di erboristi, specializzati in erbe officinali e fitoterapia.
Riteniamo fondamentale offrire ai nostri clienti e lettori contenuti affidabili e basati su fonti ufficiali.

Questi testi sono infatti il frutto della grande conoscenza accumulata dai nostri esperti attraverso anni di studio e pratica nel settore dei rimedi erboristici.

Vorremo precisare che le informazioni fornite sono da intendersi a scopo puramente informativo e non intendono sostituire in alcun modo una consulenza medica professionale.

Per maggiori informazioni sui nostri prodotti, o per un aiuto nella scelta dei più adatti in base alle proprie esigenze specifiche, potete contattare senza impegno i nostri erboristi in chat.

Blog Erbecedario

 

Laboratorio erboristico Erbecedario

Questi prodotti potrebbero interessarti:

Erbecedario Erboristeria online erbe officinali e proprietà
Erbecedario Erboristeria online Erbe officinali per le diverse problematiche