Frassino

Foto e Immagini

frassino

Nomi

Nome Scientifico: Fraxinus excelsior L. (fam. Oleacee)

Nomi Comuni: Eisch, frascu frascine

Nomi Stranieri: Ash (Eng) Frêne commun (Fra) Gemeine Esche (Ger) Fresno (Esp)

Che cos’è e significato

Descrizione: Elegante albero dalla scorza grigia, liscia nei soggetti giovani, screpolata in quelli più vecchi. Il tronco è eretto e porta robusti rami con evidenti gemme di colore nero. Le foglie, dotate di peduncolo, sono opposte, imparipennate recanti 9-15 foglioline lanceolate a margine seghettato, di color verde intenso nella pagina superiore e più chiare in quella inferiore. I fiori poco appariscenti, bruno-rossastri, sono riuniti in pannocchie. La fioritura avviene in primavera. Il frutto reca un unico seme alato. La pianta può raggiungere i 30 metri d´altezza.

Storia e Tradizioni: In epoca pagana era un albero sacro e come tale veniva venerato. Le popolazioni del Nord-Europa lo stimavano al punto da credere che l´uomo fosse stato originato dal suo legno.

Note: Il legno di frassino, di colore chiaro, è ottimo per lavori di falegnameria. E´ alquanto duro ed elastico e viene molto utilizzato per fare mobili e un tempo anche gli sci

Dove si trova

Habitat: Il frassino cresce spontaneo nelle zone collinari e boscose dell´Italia Centro-Settentrionale. Predilige i terreni freschi e fertili. e´ diffuso dalla pianura fino alla prima montagna.

Tempo e modalità di raccolta o coltivazione: Si utilizza la corteccia asportata dai rami di 2-3 anni a primavera e le foglie raccolte a fine primavera-estate, fatte essiccare senza peduncolo e i semi.

Utilizzo

Parti utilizzate: Foglie e corteccia

Come si usa in cosmetica: Il decotto di frassino può essere utilizzato per detergere pelli grasse e i punti neri.

Come si usa in cucina: Non viene utrilizzato

Proprietà e benefici

Principali componenti: Cumarine in forma glucosidica, tannini, polifenoli. La corteccia è particolarmente ricca di tannini

Proprietà salutari ed utilizzo: La corteccia e le foglie del frassino hanno proprietà diuretiche, lassative e inoltre vengono utilizzate per curare i dolori reumatici e per combattere il colesterolo. Il decotto di corteccia è un eccellente febbrifugo

Rimedio naturale: Utile nel caso di reumatismi, artriti reumatoidi, iperuricemia, affezzioni della vescica eccesso di colesterolo e ritenzione idrica.

Controindicazioni: Nessuna in particolare