Achillea

Foto e Immagini

Achillea

Nomi

Nome Scientifico: Achillea millefolium L. (fam. Compositae)

Nomi Comuni: Sanguinella, meifoggiu, stagna sangue, erba del tai, mazzetti, rosone, erva e cuntra, erba de feridas.

Nomi Stranieri: Common Yarrow; Achillée millefeuille; Gemeine Schafgarbe; Milenrama.

Che cos’è e significato

Descrizione: Pianta erbacea perenne, rizomatosa, alta da 30 a 50 cm. possiede un fusto slanciato e resistente. Le foglie sono finemente pennate, lunghe, assai frastagliate in segmenti lineari acuti. I capolini floreali che sbocciano in primavera estate sono di colore bianco e rosato, piccoli e riuniti in corimbi.

Storia e Tradizioni: Secondo la tradizione le proprietà cicatrizzanti della pianta sono state scoperte da Achille, egli la utilizzava per curare le ferite riportate in battaglia. Conosciuta anche nelle americhe ed utilizzata come vulneraria.

Note: La composizione chimica di Achillea varia moltissimo a seconda del campione considerato. Le piante tetraploidi contengono più azulene, mancante negli altri cariotipi.

Dove si trova

Habitat: è diffusa dalla pianura alla montagna, nei prati, lungo i sentieri, negli incolti. In Italia si rinviene assai frequentemente.

Tempo e modalità di raccolta o coltivazione: si utilizzano le sommitá fiorite che si raccolgono da giugno a settembre. Si essiccano all’ombra al di sotto dei 40 gradi, dopo aver riunito le infiorescenze in mazzetti e si conservano in sacchetti di carta o tela.

Utilizzo

Parti utilizzate: le sommità fiorite.

Come si usa in cosmetica: preparazione di impacchi di bellezza, se ne fanno impacchi per eliminare punti neri ed eccessi sebacei della pelle. Una manciata di achillea nell’acqua del bagno rilassa e decongestiona la pelle.

Come si usa in cucina: L’achillea ha un sapore amarognolo in genere poco gradito in cucina. Viene utilizzata in qualche preparazione come la Salsa di achillea per accompagnare uova o pesce.

Proprietà e benefici

Principali componenti: Olio essenziale contenente camazulene e 1,8-cineolo, Lattoni sesquiterpenici, Flavonoidi (achilleina), Tannini, Mucillagini

Proprietà salutari ed utilizzo: essa trova impiego nei disturbi genitali feminili (mestruazioni irregolari, ansia da menopausa), nei disturbi digestivi, nei casi di perdite sanguigne causate da emorroidi e ferite, nei problemi di circolazione. Emmenagogo; emostatico; amaro-eupeptico; spasmolitico.

Rimedio naturale: Amenorrea e dismenorrea; metrorragie; dispepsia gastrointestinale; spasmi delle vie digestive e uterine; affezioni venose (varici, flebiti, emorroidi), Coleretico e vulnerario

Controindicazioni: Evitare di esporre ai raggi solari la pelle bagnata dal succo della pianta. Il camazulene potrebbe creare reazioni allergiche, non utilizzare in gravidanza.